Siete qui: Mangiar bene / Conoscere gli alimenti / Asparagi
Mangiar
bene

In forma con gli asparagi!

Conosciuti fin dall’antichità sia in campo culinario sia per le loro doti salutari, gli asparagi sono originari dell’Asia e vennero diffusi nel Mediterraneo dagli Egizi. In cucina si usano i germogli, o turioni, che vanno raccolti a mano – per questo sono piuttosto costosi – tra fine marzo e giugno, prima che si sviluppino in fusti e foglie.
Sono ottimi rimineralizzanti e perfetti per chi vuole mantenersi in forma: contengono infatti molte fibre, poche calorie (100 g di asparagi ne apportano solo 29), tante vitamine (in 100 grammi di questo ortaggio si trova circa un terzo della vitamina C necessaria quotidianamente a un adulto, e il 75 per cento dell’acido folico e altre vitamine del gruppo B, utili per la trasformazione del cibo in energia) e minerali (tra cui calcio, fosforo, ferro, magnesio e potassio, e contribuiscono a stimolare la diuresi. Per questo, inoltre, favoriscono la depurazione dell’organismo.
Negli asparagi ci sono inoltre bioflavonoidi come la rutina, capace di rinforzare i capillari fragili, prevenire le emorragie, migliorare la circolazione, evitare gli edemi e fluidificare il sangue contrastando il rischio di trombosi. Non mancano i caroteni, sostanze che metabolizzate diventano vitamina A, antiossidanti e protettivi di pelle, mucose e vista.
Controindicati se…
... Si soffre di disturbi renali o calcoli urinari per il loro effetto stimolante della diuresi molto energico.
... Si soffre di gotta, per il loro contenuto di purine che si trasformano in acidi urici. Tuttavia, questo loro difetto può essere attenuato notevolmente lessando gli asparagi in molta acqua, in modo che tali sostanze si disperdano nel liquido di cottura senza arrivare nel piatto.