Siete qui: Mangiar bene / I nutrienti dalla A alla Z / Antiossidanti
Mangiar
bene

Antiossidanti

È un gruppo di sostanze di cui ultimamente si parla molto, che comprende vitamine (A, C, E), minerali (selenio, zinco, rame e molibdeno), acidi grassi, aminoacidi (glutatione, metionina), aminoacidi solforati, antociani, bioflavonoidi, clorofilla, enzimi (catalasi, coenzima Q10, sod), licopene e luteina (due carotenoidi), melatonina, polifenoli, resveratrolo, zeaxantina.
La loro azione fondamentale è combattere la diffusione dei radicali liberi, i quali provocano un invecchiamento accelerato dell'organismo e delle sue cellule, e quindi delle sue funzioni, e di conseguenza contribuiscono allo sviluppo delle malattie degenerative (tra cui tumori, aterosclerosi e altre ancora). Gli antiossidanti, quindi, proteggono da tutte queste patologie, contrastando una delle loro cause, l'azione degenerativa dei radicali liberi, appunto.
I radicali liberi si formano nel corpo in condizioni di stress, malattie infettive e infiammatorie, fumo di sigaretta e inquinamento ambientale, esposizione al sole, elevato consumo di alcolici, attività fisica intensa, eccesso di proteine e grassi animali nella dieta, assunzione di alcuni farmaci (per esempio il cortisone).
Gli antiossidanti si trovano soprattutto nei prodotti vegetali freschi, cioè in frutta e verdura, oltre che nell'olio di oliva e nel tè, verde e nero.
In particolare, la clorofilla e i flavonoidi sono in tutti gli ortaggi verdi, i carotenoidi in quelli giallo-arancio (carote, meloni, albicocche) e verde scuro, il licopene in pomodori e peperoni rossi e gialli, la luteina negli ortaggi verde brillante, gli antociani si trovano in frutta e ortaggi di colore rosso-blu-viola (come l'uva nera e i mirtilli), i polifenoli in moltissime varietà di frutta e di verdura (per esempio nelle mele), i composti solforati sono nei cavoli e in tutti gli ortaggi che fanno parte della loro famiglia, oltre che in aglio e cipolla, porro e scalogno.