Siete qui: A ogni etŗ il suo... / Adolescenti / Magrissime sempre a dieta
A ogni età
il suo...

Magrissime sempre a dieta

Succede soprattutto alle ragazze, ma a volte lo fanno anche i ragazzi: anche se hanno un fisico esile, si sottopongono a diete sempre pi√Ļ strette e sbilanciate. Sembra quasi che vogliano sparire, ma in realt√† il loro obiettivo √® rimodellare il corpo, emanciparsi e conquistare l'autonomia.

Non tutti gli adolescenti a dieta soffrono di disturbi del comportamento alimentare, non sempre il tentativo di dare una forma diversa al proprio corpo è patologico: capire se la crisi è fisiologica oppure no è il primo, fondamentale, passo da fare per decidere se e come intervenire. Perché quando siamo di fronte ad anoressia o bulimia il pericolo per la salute, e col tempo per la vita stessa, è serio. La distinzione non è per niente semplice, ma qualche segnale può essere d'aiuto: una modalità ossessiva in cui il cibo diventa il protagonista assoluto della giornata deve mettere in allarme, così come una sofferenza interiore profonda e la comparsa di alcuni disturbi fisici, primo fra tutti, per le ragazze, l'interruzione del ciclo mestruale. Ma non aspettiamoci di vedere deboli e apatiche queste magre digiunatrici: dopo poco tempo il corpo si abitua e loro si sentono piene di energia e svolgono molta attività fisica.

Un'altra caratteristica fondamentale è il perfezionismo, la richiesta di prestazioni elevatissime che queste ragazze fanno a se stesse. Si pongono mete irraggiungibili, quindi incrementano sforzi e rinunce senza mai avere soddisfazione.
Allentare il conflitto
Il conflitto con il proprio corpo, con la propria identità e femminilità, si mescola con il conflitto con la madre, la figura femminile di riferimento. Per questo è utile coinvolgere il padre.
Anche in questo caso il controllo è deleterio, così come l'imposizione di mangiare. Ricordiamo che, accanto al rifiuto della propria immagine, c'è quello per la dipendenza dalla famiglia e dai bisogni corporei.
Poiché queste ragazze chiedono molto a se stesse, gli adulti che le circondano dovrebbero cercare di ridurre la pressione, la richiesta di risultati e di conseguenza il giudizio: anche quando sembrano detestarci, il timore di deluderci è fortissimo.
Inoltre, poiché il loro comportamento ossessivo serve a controllare l'angoscia, è fondamentale avvicinarsi a queste adolescenti senza aggiungere la nostra ansia alla loro.