Siete qui: Buono a sapersi / Feste sostenibili
Buono a
sapersi

Feste sostenibili. Occhio agli sprechi

È un grande classico, si sa: durante le feste, soprattutto quelle natalizie, si produce una quantità di rifiuti maggiore rispetto al solito: dal cibo, alle confezioni regalo, alle decorazioni per la casa... Ridurre questa enorme e spropositata mole è possibile, basta pensarci per tempo e prestare un minimo di attenzione a certe “cattive abitudini”.
Ecco allora qualche suggerimento per trasformare anche le feste in un’occasione di “risparmio” e attenzione all’ambiente che ci circonda.

Per impacchettare i regali, utilizziamo carta riciclata o, in alternativa, realizziamola con vecchie mappe, fumetti, riviste, carta da parati, cruciverba, manifesti… Per incartare i doni non è necessario comprare carta da regalo di prima scelta, costosa, patinata ma pur sempre destinata a finire nel sacco dell’immondizia.
Scegliamo sempre addobbi e decorazioni che possano essere riutilizzate anno dopo anno, oppure realizziamo da soli le decorazioni per impreziosire l’albero o il presepe, riutilizzando vecchi materiali come barattoli o bottiglie di plastica, frutta fresca o secca, pasta colorata...

Evitiamo di saccheggiare boschi e prati a caccia di muschio fresco per il presepe: in commercio esistono muschi sintetici o tessuti come il pile che possono essere utilizzati allo stesso scopo con ottimi risultati.

Natale è un periodo dell'anno in cui utilizziamo più energia nelle nostre case, sforziamoci di abbassare le luci decorative durante il giorno e ricordiamoci di spegnerle quando andiamo a letto e, se le luci natalizie sono accese, spegniamo quanto più possibile le altre.
Cibo, non sprechiamolo!


Anche per quanto riguarda la tavola, nei periodi festivi gli sprechi di cibo aumentano in maniera esponenziale. Ed è in questi periodi, allora, che è bene porre un occhio di riguardo in più al consumo di generi alimentari onde evitare inutili sprechi.
Non facciamoci prendere dall’ansia di non preparare abbastanza cibo per i nostri ospiti: un aiuto in questo senso possono essere la pianificazione del menu e una buona lista della spesa per organizzare al meglio gli acquisti, riducendo quelli d’impulso ed evitando di comprare quantità eccessive.
Conserviamo gli avanzi per creare nuovi piatti oppure surgeliamo le porzioni in eccesso: saranno utili in un’altra occasione! E ancora, informiamoci se nella nostra zona sono organizzate iniziative alimentari per aiutare le persone in difficoltà.