Siete qui: Attività motoria / Sport / Beach Volley / Istruzioni per l'uso
Attività
motoria

Beach volley: istruzioni per l'uso

Un po' di riscaldamento...
Come per tutti gli sport, anche per questa variante semplificata della pallavolo è bene non lanciarsi in attività estemporanee se durante l'inverno non si è praticato alcuno sport e si è tenuto un comportamento piuttosto sedentario.
Prima di iniziare a giocare quindi - anche se si tratta di una semplice "partitella" tra amici - è fondamentale fare un po' di riscaldamento (qualche minuto di corsa sul bagnasciuga o un quarto d'ora di acquagym possono bastare) e procedere con gradualità, entrando in campo per pochi minuti la prima volta e allungando il tempo nei giorni seguenti.
Volendo, chi sa già di voler praticare un po' di sport durante le vacanze, può anche avviare un piccolo programma di attività motoria in città qualche settimana prima della partenza.
Chi fa già un po' di moto, invece, può lasciarsi coinvolgere senza problemi dalla partite sulla sabbia. Per tutti, comunque, vige la regola "gradualità e prudenza".
...e qualche precauzione
Muoversi predispone ai traumi, ma farlo all'aperto e in estate aggiunge il rischio di colpi di sole e colpi di calore. Lo sforzo dell'attività fisica e l'alta temperatura ambientale mettono il cuore sotto pressione se non si è allenati e si rischiano crampi e malori. Ecco allora qualche regola da seguire per evitare di incorrere in problemi anche seri:
  • stendere sempre sulla pelle una protezione solare adeguata e indossare maglietta (rigorosamente di cotone) e cappellino;
  • scegliere l'orario: le ore centrali della giornata sono sconsigliabili perché più calde, meglio giocare di prima mattina o nel tardo pomeriggio, e comunque non subito dopo mangiato;
  • bagnare il corpo per disperdere il calore e bere molto per evitare la disidratazione.
Forte stanchezza, tremore, mal di testa, crampi, tachicardia, sudorazione e vertigini, o generici malori, sono campanelli d'allarme che richiedono immediato riposo all'ombra. Infine, le controindicazioni. Devono evitare questo sport (o parlare col proprio medico prima di praticarlo): anziani, ipertesi, cardiopatici e coloro che soffrono di artrosi e problemi alla colonna vertebrale.
Le regole del gioco

Due squadre composte di un pari numero di giocatori, in genere da due a sei per parte, si lanciano la palla facendola passare sopra una rete alta più di due metri (2,24 per le donne e 2,43 per gli uomini) su un campo di sabbia di 16 metri per 8.
Le regole sono molto simili a quelle della pallavolo, lo sport da cui deriva il beach volley, e prevedono limitazioni alla possibilità di trattenere la palla in modo da far giocare tutti i partecipanti: per esempio, può essere toccata al massimo tre volte consecutive da una squadra, e due dallo stesso giocatore, poi va passata. Ovviamente, deve passare al di sopra della rete e andare nel campo avversario, dove, se tocca terra, procura un punto alla squadra che l'ha lanciata. Per i lanci si possono usare tutte le parti del corpo, piedi compresi.?